PRESENTAZIONE

È attraverso il teatro che la strada si fa più confortevole e sicura, per attraversare il mondo stando coi piedi sulla terra.

La stagione di quest'anno è fortemente caratterizzata dal tema dell'Identità o, meglio, da Identità individuali e Identità Collettive; una proposta su larga scala che chiama tutte le categorie di spettatatori/fruitori degli spettacoli - e delle tante iniziative collaterali di crescita qualitativa e formazione del pubblico - ad una riflessione partecipata e consapevole che riguardi da un lato la nostra identità di moderni cittadini (collettiva) e dall'altro di originali, primigeni esseri umani, (individuale).
Il senso delle proposte contenute nell'attività del Teatro Fonderia Leopolda riguardano l'intera comunità follonichese, dai bambini agli adulti, passando per adolescenti e ragazzi: invitare tutti, o quanti più possibile, ad una continua, civile e gioiosa riflessione sui limiti e sulle potenzialità della nostra esistenza, accettando i cambiamenti senza dover perdere o corrompere a tutt i costi la purezza con cui veniamo al mondo; a sapersi confrontare, per generi e generazioni, su quanto siamo disposti a cedere, nell'evoluzione, al compromesso.
Sarà una stagione di teatro e di cultura di tutti, per scoprire quanto sia ancora possibile, alle donne e agli uomini della bella Toscana, abbandonare dolcemente e serenamente le proprie forze sino ad “esser presi da incantamento”, mentre tutt'intorno purtroppo si muove, crudele e spericolata, una società fortemente tecnologizzata, dove il progresso di cemento, intento solo a celebrar se stesso, corrode mestamente i tralicci dello sviluppo e, sprezzante, lascia crollare i ponti sotto il cui peso muoiono, sfregiate, tante vite umane che piangiamo.
Con loro, pur consumata dal tempo perduto, non possiamo lasciare che muoia la nostra preziosa, instancabile e insostituibile idea della bellezza.

Eugenio Allegri
Direttore artistico Teatro Fonderia Leopolda