Recital lirico

GIOVEDÌ 2 MARZO 2017

RECITAL LIRICO - Gioachino Rossini, arie e duetti da La Cenerentola (1817)
A Follonica, a 200 anni di distanza, con passione, maestria e allegria, rivive “La Cenerentola” di Gioachino Rossini

Il Rossini Opera Festival (ROF) è l’istituzione più importante che da decenni tiene in vita il grande repertorio musicale di uno dei geni della musica italiana e mondiale: Giocchino Rossini. “Il Rossini Opera Festival è l’istituzione più importante che da decenni tiene in vita il grande repertorio musicale di uno dei geni della musica italiana e mondiale: Gioacchino Rossini. Nel 2018 ricorreranno i 150 anni dalla morte del grande maestro pesarese. La città di Pesaro, con il sostegno della Presidenza della Repubblica Italiana e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha organizzato una serie di manifestazioni, a partite dal 2016, che celebrano l’evento.
Nell’ambito di tali manifestazioni, nel 2017, in collaborazione con l’accademia Rossiniana del ROF, diretta dal maestro Alberto Zedda e in collaborazione con il Conservatorio di Pesaro, verrà presentato il recital da “Cenerentola”, opera scritta da Gioacchino Rossini nel 1817.
A Follonica, come a Pesaro e in molte altre città italiane, a 200 anni di distanza, “La Cenerentola” rivivrà con passione, maestria e allegria.

Programma
Petit Caprice per pianoforte solo (da Péchés de vieillesse)
Cavatina di Don Magnifico - “Miei rampolli femminini”
Duetto Cenerentola - Ramiro “Tutto è deserto....Un soave non so che”
Cavatina di Dandini “Come un'ape ne' giorni d'aprile”
Aria di Alidoro “Vasto teatro è il mondo”
Valse Lugubre per pianoforte solo (da Péchés de vieillesse)
Aria di Ramiro “Sì, ritrovarla io giuro”
Duetto Dandini - Magnifico “Un segreto d'importanza”
Rondò di Cenerentola “Nacqui all'affanno e al pianto... Non più mesta accanto al foco”

Personaggi e interpreti:
Cenerentola - Aurora Faggioli - mezzosoprano
Ramiro - Xabier Anduaga - tenore
Dandini - Maharram Huseynov - baritono
Magnifico e Alidoro - Li Shu Xin - basso
Pianoforte - Lorenzo Bavaj